Articolo

Riforma Moratti e scuola secondaria

Una sommaria riflessione critica sulla riforma Moratti evidenzia come lo Stato si riservi la formazione scolastica dei capaci e meritevoli e lasci alle Regioni la formazione professionale dei non motivati allo studio. La riorganizzazione della scuola secondaria superiore è illustrata attraverso l'esame della bozza del relativo decreto legislativo, in circolazione da alcuni mesi. Una rapida valutazione delle strutture scolastiche ipotizzate mostra come esse privilegino obiettivi specifici di apprendimento e discipline a scapito delle funzioni di controllo che dovrebbero essere proprie dello Stato
Fascicolo: maggio 2005
Ultimo numero
Leggi anche...

Rivista

Visualizza

Annate

Sito

Visualizza