ArticoloArticolo

Nuovo pluralismo culturale e sistemi educativi europei

L'insediamento permanente in Europa di popolazioni immigrate nell'ultimo trentennio ha creato un nuovo pluralismo etnico-culturale che pone alle società europee la sfida dell'integrazione. Importante in questa prospettiva è il ruolo della scuola come luogo di acculturazione e socializzazione, di armonizzazione tra identità etnica e dimensione universale, che contrasti spinte nazionalistiche e razzistiche. Più ampiamente l'Europa, nel suo processo di « ricomposizione », deve assumere nella propria identità anche la pluralità etnico culturale delle comunità immigrate, garantire loro uguaglianza di diritti, promuovere una integrazione che assicuri al tempo stesso rispetto delle diversità e « coesione giuridico-sociale » mediante l'universale accettazione di regole comuni. Fondamentale, a questo fine, è una educazione interculturale secondo i grandi orientamenti educativi proposti dal Consiglio d'Europa
Fascicolo: maggio 1992
Ultimo numero
Leggi anche...

Rivista

Visualizza

Annate

Sito

Visualizza