Il numero di ottobre 2020

Il progetto internazionale “The future of work - Labour after Laudato si’”, dedicato a ripensare il futuro del lavoro nel quadro di riferimento dell’ecologia integrale, a cui la nostra Rivista ha partecipato negli ultimi, evidenzia il profondo intreccio tra lavoro e cura.
Ne parlano il direttore, p. Giacomo Costa SJ e il nostro redattore esperto in economia Paolo Foglizzo nell’editoriale, spiegando che solo prendendosi cura del lavoro in tutte le sue forme e declinazioni è possibile costruire una società più giusta.

Nelle Mappe, ospitiamo in apertura un testo a due voci sulla riapertura della scuola, in cui un insegnante, un pedagogista e un direttore mettono in luce gli interrogativi e le riflessioni su come la scuola possa rinnovarsi per svolgere meglio la propria funzione, facendo tesoro degli spunti emersi dal lockdown: famiglia, tecnologia e iniziativa autonoma dei docenti sono elementi imprescindibili per una scuola rinnovata.
Le voci del mondo invece danno spazio a un’intervista allo storico caraibico Malcom Ferdinand, il quale riflette su come la prospettiva storica dei vari popoli condiziona la percezione della crisi ecologica e influisce sui movimenti ambientalisti, ragionando sul legame fra colonialismo, schiavitù ed ecologia.
Un tema attuale come quello del Meccanismo Europeo di Stabilità (MES) richiede di comprendere a fondo la storia e il funzionamento di questo strumento per valutarne correttamente l’importanza. Ce ne parla l’economista Roberto De Battistini.
La comunità cinese in Italia ha una lunga storia, spesso sconosciuta, che ci racconta Nicoletta Galisai, esperta sinologa.
In tema di ambiente, spesso si sente dire che occorre piantare più alberi, ma in realtà le cose non stanno proprio così: occorre curare il patrimonio forestale esistente prima di estenderlo, per evitare danni dovuti all’abbandono e all’incuria, come spiega Davide Pettenella nel suo approfondimento. Presentiamo infine ai nostri lettori un documento firmato da oltre cento vescovi cattolici di tutto il mondo chiede regole efficaci per contrastare gli abusi delle multinazionali nel campo dei diritti umani e dell’ambiente.
La sezione si chiude con la tradizionale infografica di Ugo Guidolin, dedicata alla gestione dei rifiuti in Italia.

La Bussola, con le sue rubriche al completo, racconta della Creazione nella Bibbia aperta di Annamaria Vitagliani, mentre la rubrica Cristiani e cittadini è dedicata a Vittorio Bachelet, di cui quest’anno abbiamo celebrato il 40 anniversario dalla morte per mano delle Brigate rosse. Per l’Unione Europea Alessandro Simonato descrive le strategie per la biodiversità e “dal produttore al consumatore”.
Il libro Heineken in Africa, di Olivier van Beemen, recensito da Alessandro Cattini, denuncia il comportamento non trasparente della grande multinazionale della birra nel Continente africano, mentre Chiara D’Agostino parla del film Eighth Grade, una pellicola sull’adolescenza e le sue fragilità. Segnalazioni di libri e appuntamenti chiudono il fascicolo.
01 ottobre 2020
Ultimo numero

Rivista

Visualizza

Annate

Sito

Visualizza