Andare in montagna è tornare a casa

Saggi sulla natura selvaggia

John Muir
Piano B Edizioni, Prato 2020, pp. 193, € 15
Scheda di: 
Fascicolo: novembre 2020

L Edizioni Piano B portano avanti, da alcuni anni, un interessante progetto di pubblicazione di testi classici del pensiero ambientale, particolarmente di area angloamericana. Il presente volume ci riporta alle origini della riflessione sulla wilderness e del movimento conservazionista. John Muir (1838-1914) è un autore difficile da catalogare: esploratore, naturalista, attivista e “padre” dei parchi nazionali statunitensi, ci ha lasciato una prosa ibrida, nella quale le esperienze personali si mescolano alle riflessioni scientifiche e alle note spirituali.


Questo libro, un’antologia di scritti pubblicati nell’arco di circa quarant’anni, offre uno spaccato efficace del pensiero di Muir, al centro del quale troviamo il valore intrinseco della natura selvaggia; è questa una delle prospettive fondamentali del pensiero ambientale di oltreoceano, meno indagata dagli autori europei. Il confronto e lo scontro con le terre inospitali hanno plasmato l’immaginario culturale nordamericano, lasciando una eredità profonda che si riflette oggi anche nel cinema e nella letteratura. Scoprire questo pensiero, significa anche comprendere più a fondo le motivazioni culturali di una cultura che ha raggiunto anche noi. Ma il primo motivo per cui vale la pena di leggere questo libro è semplicemente il piacere che dà il fatto di entrare nell’esperienza di Muir, seguendo le sue avventure solitarie nei boschi della Yosemite Valley e assorbendo la sua passione per la natura e per la vita.

Ultimo numero

Rivista

Visualizza

Annate

Sito

Visualizza