DAT / Reazioni e dibattito

In seguito alla pubblicazione del modulo DAT nel numero di agosto-settembre 2020 di Aggiornamenti Sociali, i membri del Gruppo di studio sulla bioetica hanno cominciato a ricevere reazioni e commenti da studiosi e professionisti del mondo della sanità; nata così l’idea di chiedere ad alcuni di loro di formalizzare il proprio pensiero in un breve testo, che potesse essere reso pubblico: ecco l'origine dei contributi qui raccolti.

L’obiettivo è duplice. Innanzi tutto si vuole ampliare il dibattito, aprendolo sia a una pluralità di prospettive, disciplinari e professionali, ciascuna delle quali illumina in modo originale i diversi aspetti della questione, sia a una pluralità di posizioni, poiché non tutte le voci sono ugualmente concordi con l’impostazione del documento, segnalandone punti di forza così come limiti ed elementi che richiedono ulteriore approfondimento. L’auspicio è che, oltre ad alimentare il confronto interno al mondo della bioetica, la loro lettura fornisca ulteriori elementi di consapevolezza a chi decida di avvalersi del modulo DAT proposto, favorendone un uso ancora più responsabile.


Un invito al discernimento ponderato e sapiente
Antonio Autiero
Professore emerito di Teologia morale, Università di Münster (Germania)

La medicina deve aiutare, non “crocifiggere”
Annamaria Marzi
Direttore infermieristico, Hospice Casa Madonna dell’Uliveto, Albinea (RE)

Una combinazione di autodeterminazione, relazione e situazione
Stefano Semplici
Professore ordinario di Etica sociale e Bioetica, Università di Roma – Tor Vergata; Presidente del Comitato internazionale di bioetica dell’UNESCO dal 2011 al 2015


Ultimo numero

Rivista

Visualizza

Annate

Sito

Visualizza