Pino Puglisi, dono per la Sicilia e per il mondo

27/05/2013


Il 25 maggio, a vent’anni dal suo assassinio per mano della mafia, padre Giuseppe Puglisi, parroco del quartiere Brancaccio di Palermo, è stato  proclamato beato. Nel numero di maggio di Aggiornamenti sociali padre Bartolomeo Sorge, direttore emerito della Rivista, propone una rilettura del suo operato e della sua figura che ci aiuta a non dimenticare che la lotta alla mafia continua ancora oggi.

«Padre Puglisi - dice Sorge - ha insegnato concretamente come si evangelizza in terra di mafia: per prima cosa occorre avere una comprensione adeguata del fenomeno e padre Pino era convinto che la mafia non si può ridurre solo a criminalità». La mafia è un sistema di potere, ma anche e soprattutto una mentalità: la sua vera radice è di natura culturale e, come sosteneva Don Pino, solo riconoscendo la priorità della dimensione culturale del fenomeno mafioso è possibile vincere la criminalità organizzata. Per affrontare tale problema, la strategia più efficace è quella di restituire un’anima etica alla politica e alla vita civile. Da qui, l’importanza della formazione, soprattutto dei giovani, a cui padre Puglisi ha dedicato gran parte della sua vita, e un serio impegno culturale che renda i cittadini onesti solidali tra loro intorno a un programma costruttivo ed efficace.

Padre Puglisi è la testimonianza di come la mafia sia caduta per l’ennesima volta nell’errore di pensare che gli ideali si possano spegnere a colpi di lupara. Così, paradossalmente, grazie alla sua barbara esecuzione, Don Pino Puglisi, prima conosciuto da pochi, si è trasformato in un simbolo per tutti. «La Chiesa intera - conclude padre Sorge - si è sentita interpellata dal fenomeno mafioso, denunciandone apertamente e con forza l'incompatibilità con il Vangelo e ribadendo la scomunica per quanti vi aderiscono». Padre Puglisi, in conseguenza della sua beatificazione, ormai non appartiene più solamente al quartiere di Brancaccio, né solo a Palermo e alla Sicilia. Appartiene alla Chiesa universale.
















09/01/2013
No
01
02
03
04
05
06-07
08-09
10
11
12

CERCA NELL'ARCHIVIO

ARCHIVIO ANNATE

CERCA NEL SITO

Aggiornamenti sociali è su: