• Mercanti di uomini
Scheda di: 

Mercanti di uomini

Il traffico di ostaggi e migranti che finanzia il jihadismo
Loretta Napoleoni
Rizzoli, Milano 2017, pp. 346, € 18.50
Fascicolo: 

Con la lettura di questo volume si aprono gli occhi sul complesso mondo dei «mercanti di uomini», coloro che fanno affari su milioni di esseri umani, in fuga da guerre e povertà. Chi sono? Secondo l’A., studiosa dei legami tra terrorismo ed economia, abbiamo a che fare con una nuova categoria di criminali, esperti in sequestri di occidentali in Iraq, Libia e Siria, e abili nell’utilizzare il denaro dei riscatti per alimentare «la tratta di persone in fuga dagli orrori e dai saccheggi della guerra civile» (p. 16).

Raramente i Governi occidentali ammettono il pagamento di riscatti per liberare propri cittadini rapiti in Medio Oriente o in Africa, eppure sono proprio quelle somme di denaro che alimentano i maggiori gruppi jihadisti e i trafficanti di migranti. Attraverso interviste esclusive a negoziatori, membri dei servizi segreti, esperti del contrasto al terrorismo, ex ostaggi, Loretta Napoleoni descrive il circolo vizioso tra l’economia ufficiale e quella “canaglia”. Questo nuovo tipo di criminalità è «in netto contrasto con il vecchio modello occidentale altamente integrato di criminalità organizzata, come la mafia […]. Prosperano ovunque regni l’anarchia politica e saccheggiano la risorsa più preziosa: le persone. La criminalità organizzata, al contrario, ha bisogno di un Governo centralizzato per imporsi come sistema alternativo» (p. 278).

Il giudizio dell’A. è inappellabile: una classe politica occidentale incompetente non è stata capace di reagire in modo opportuno all’11 settembre 2001. La guerra al terrorismo che ne è scaturita non fa altro che destabilizzare intere aree del pianeta, provocando il più grande esodo dalla Seconda guerra mondiale e alimentando l’incertezza che porta alla crescita dei populismi. La Brexit o l’elezione di Trump «sono solo la punta dell’iceberg. La popolarità sempre maggiore delle nuove compagini xenofobe e populiste, che perseguono un discorso di chiusura e di cacciata dello straniero, la ricostruzione delle barriere ai confini, gli appelli al protezionismo in economia sono tutti sintomi di un malessere che dilaga nel mondo occidentale» (p. 295).

No
No
01
02
03
04
05
06-07
08-09
10
11
12

CERCA NELL'ARCHIVIO

ARCHIVIO ANNATE

CERCA NEL SITO

Aggiornamenti sociali è su: