Il web alla prova della “cyberguerra” in Siria

Nelle rivolte della Primavera araba il web è stato un aiuto per veicolare la mobilitazione sociale. Ma qual è la situazione in Siria, dove la presunta libertà della rete si è in realtà ritorta contro i ribelli stessi? Come i servizi segreti siriani sono riusciti ad assestare duri colpi alla loro rete, ingaggiando una cyberguerra inaspettata? Quali spunti di riflessione sulla libertà e la sicurezza del web offre questa vicenda? Un testo di pochi mesi fa ci aiuta a trovare qualche risposta.
Fascicolo: 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

No
No
01
02
03
04
05
06-07
08-09
10
11
12

CERCA NELL'ARCHIVIO

ARCHIVIO ANNATE

CERCA NEL SITO

Aggiornamenti sociali è su: