• Europa: la casa comune in fiamme
Scheda di: 

Europa: la casa comune in fiamme

Massimo Bordignon intervistato da Sergio Levi
il Mulino, Bologna 2012, pp. 112, € 10
Fascicolo: 

Quale futuro attende l’Europa dei 27 alle strette tra la crisi finanziaria globale che colpisce duramente l’euro e la crescita dei nazionalismi e dell’antieuropeismo? Questo interrogativo accompagna le riflessioni di Massimo Bordignon, professore di scienze delle finanze all’Università Cattolica di Milano, nel libro intervista Europa: la casa comune in fiamme.

Per l’autore «la crisi europea degli ultimi anni è una crisi di natura istituzionale più che economica» (p. 9). Gli stati nazionali non hanno gli strumenti per far fronte adeguatamente alle sfide poste dalla globalizzazione, perciò bisogna cercare nuovi equilibri a un livello sovranazionale. L’Unione europea costituisce un attore importante in questo scenario, ma l’efficacia della sua azione è minata da un problema di governance e di legittimità democratica: «le nostre difficoltà rimandano a ritardi istituzionali e politici, e nascono dal fatto che non c’è stata la volontà da parte degli stati di cedere quote di sovranità all’Unione europea» (p. 19). A giudizio dell’autore gli stessi provvedimenti adottati negli ultimi due anni a livello europeo (Six pack, Euro-plus, “semestre europeo”, Fiscal compact, European stability mechanism) non sono sufficienti se non si avanza nell’integrazione europea realizzando «l’unione bancaria, l’unione fiscale e l’unione politica» (p. 26). Questo significa «togliere alle autorità nazionali la vigilanza bancaria, l’assicurazione sui depositi, i meccanismi di fallimento delle banche, e attribuirli a livello europeo» (p. 107), proseguire nella linea tracciata dal Patto Euro-plus e, infine, «introdurre l’elezione diretta del presidente della Commissione» (p. 22) rafforzando altresì il ruolo del Parlamento nei processi decisionali.

Ben scritto, malgrado qualche ripetizione dovuta allo stile di intervista, questo saggio fornisce alcuni spunti interessanti per riflettere sulle sfide che gli Stati europei devono raccogliere se vogliono dare un futuro all’Europa unita.

No
No
01
02
03
04
05
06-07
08-09
10
11
12

CERCA NELL'ARCHIVIO

ARCHIVIO ANNATE

CERCA NEL SITO

Aggiornamenti sociali è su: