Allarmanti i dati sul consumo di suolo: l'appello della Rete Cepea per una nuova legge

28/06/2017
Pubblichiamo un appello della Rete Cepea (Rete dei Centri per l'Etica Ambientale), di cui fa parte anche Aggiornamenti Sociali.

In Italia il suolo continua ad essere considerato semplicemente una risorsa illimitata e a costo zero, con cui si pensa di rianimare e rilanciare il settore dell’edilizia, una sorta di pavimento dove appoggiare edifici residenziali e commerciali, strade e infrastrutture di tutti i tipi. 

Come potrebbero essere letti, altrimenti, i dati allarmanti del Rapporto Ispra 2017 sul consumo di suolo, appena pubblicato, e il generale disinteresse nei confronti del disegno di legge “Contenimento del consumo di suolo e riuso del suolo edificato” approvato un anno fa dalla Camera e da mesi fermo al Senato? 

Il rapporto Ispra rileva infatti che nel 2016 il consumo di suolo non si è fermato, ma ha continuato inesorabilmente a cancellare aree verdi, per lo più agricole, con una media di 3 metri quadrati al secondo. Tra novembre 2015 e maggio 2016 sono stati consumati 30 ettari di suolo al giorno per un totale di 5 mila ettari di territorio. Nel corso del 2016 il suolo urbanizzato ha raggiunto il 7,6% del territorio nazionale pari a circa 23 mila chilometri quadrati, cioè la dimensione di Campania, Molise e Liguria messe assieme. 

Eppure il suolo svolge una funzione straordinaria per garantire il benessere e la qualità della vita delle persone e delle comunità umane attraverso i cosiddetti "servizi ecosistemici": produzione agricola, protezione dall’erosione e infiltrazione dell’acqua, miglioramento della qualità dell’aria e delle acque, impollinazione, assorbimento di gas serra e contenimento del riscaldamento globale… 

La perdita di questi servizi non rappresenta solo un grave danno in termini di qualità dell’ambiente e conseguentemente anche di qualità della vita, ma un crescente costo economico stimato, sempre secondo Ispra, tra i 630 e i 910 milioni di euro all’anno. 

Tra le leggi da non tradire prima della fine della legislatura vi è dunque anche quella per il contenimento del consumo di suolo. Per questo, come Rete dei Centri per l’Etica Ambientale, rivolgiamo un appello affinché ripartano subito i lavori parlamentari per una rapida revisione e approvazione del testo normativo. 

Per un approfondimento su questo tema rimandiamo al dossier pubblicato nel numero di gennaio 2017 di Aggiornamenti Sociali.
28 giugno 2017
No
01
02
03
04
05
06-07
08-09
10
11
12

CERCA NELL'ARCHIVIO

ARCHIVIO ANNATE

CERCA NEL SITO

Aggiornamenti sociali è su: