• Abitare lo spazio della fragilità
Scheda di: 

Abitare lo spazio della fragilità

Oltre la cultura dell’homo infirmus
Giovanni Cucci
Ancora-La Civiltà Cattolica, Milano 2014, pp. 159, € 16
Fascicolo: 
Aprendo il suo libro con il ritratto del protagonista ossessionato dalle malattie e per questo incapace di vivere del film Hannah e le sue sorelle di Woody Allen, Giovanni Cucci ci introduce a un aspetto che caratterizza sempre più le società occidentali negli ultimi decenni: la ricerca spasmodica del benessere psicofisico e la crescita delle patologie, in particolare quelle psichiche (ricordiamo che negli ultimi 40 anni sono triplicati i disturbi censiti dal Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali).

Il libro non intende criticare la medicina, la psicologia o la psichiatria (tra l’altro l’autore è uno psicologo a sua volta), ma è una presa di distanza da una proposta culturale sempre più diffusa, definita “cultura terapeutica”. Con questa espressione si intende «la tendenza a esasperare l’aspetto malato delle persone» (p. 7) accompagnata dal messaggio, trasmesso fin dalla più tenera età, «che siamo troppo fragili per affrontare le difficoltà della vita e che è possibile al massimo limitare i danni, facendosi curare» (p. 32). Si delinea così una nuova figura di uomo, strutturalmente malato e privo del gusto di vivere (l’homo infirmus), che prende il posto di quello capace di trasformare il mondo (homo faber).

L’A. non si limita a registrare l’emergere di questa tendenza e a segnalarne le criticità, ma elabora una visione alternativa che si propone di ridare pregnanza all’esistenza umana, attribuendo un ruolo centrale all’educazione e sottolineando l’importanza che vi sia «un orizzonte di valori capaci di superare la dimensione puntuale del qui e ora» (p. 124). Una strada necessaria da percorrere perché «quando non trova un significato per la propria vita l’uomo, anche se in buona salute, finisce per scegliere volontariamente la morte» (p. 128).




No
No
01
02
03
04
05
06-07
08-09
10
11
12

CERCA NELL'ARCHIVIO

ARCHIVIO ANNATE

CERCA NEL SITO

Aggiornamenti sociali è su: